Silbernagl Undergallery Navigli Street
Silbernagl Undergallery Navigli Street

Kraser

Sogni avvolti in seta purpurea

 

 

 

Che è mai la vita? Una frenesia. Che è mai la vita? Un'illusione, un'ombra, una finzione... E il più grande dei beni è poi ben poca cosa, perché tutta la vita è sogno, e gli stessi sogni son sogni!

Pedro Calderón de la Barca

 

 

Osservando le opere di Kraser, non si può fare a meno di apprezzare immediatamente il "virtuosismo" e la capacità tecnica di questo artista, rimanendo quasi incantati nell'ammirazione estatica di ogni singolo dettaglio dei suoi quadri.

La sua tecnica, lungi dal rimanere freddo artificio pittorico, accademico e scolastico, ha al contrario il pregio di accompagnarci magicamente e voluttuosamente in un groviglio di sensazioni esotiche, erotiche ed oniriche, in cui ci si lascia trasportare inconsciamente, senza opporre resistenza.

Nei celeberrimi "bestiari" medioevali, belve, fiere, uccelli, animali domestici, esotici, di piccola o grossa taglia erano metafore e simboli che rimandavano ad una pluralità di significati e quasi da essi, per certi versi, l'immaginario dell'artista sembra trarre spunto. Ma il simbolismo che sottende ogni animale si discioglie in mille rivoli all'interno dell'opera, in cui ogni dettaglio, proprio perché dotato di rilucente bellezza propria, ci seduce e ci disorienta, non indicandoci virtù ma voluttuosi piaceri, come i sogni, dolci, ma nello stesso tempo misteriosi e terrifici.

Dall'oscurità dello sfondo di un quadro, la stessa oscurità sfondo delle nostre notti e dei nostri sogni ecco una tigre che erompe, grazie al colore del suo manto, in nitido contrasto con il  violaceo su cui si staglia.

Essa appare crudele e feroce, ma al contempo mollemente adagiata su un raffinato, morbido, sensuale giaciglio di pizzo.

Una delle sue zampe, staccandosi dal corpo dell'animale assume le sembianze metamorfiche di un braccio ed una mano umani, con cui ci porge una pianta i cui frutti, portatori di erotismo e voluttà, nascono da rami intrecciati, annodati e contorti, a volerci ricordare che piacere e dolore sono strettamente legati tra loro in un amplesso sensuale sì, ma rischioso e mortale.

Come la donna di un romanzo dannunziano, non donna latrice di virtù "muliebri", ma donna maliarda e sensuale, mantide pronta a sbranare i suoi amanti, rappresentati come docili animali da preda che contornano la fiera, seduttori da lei sedotti e pronti ad essere divorati, senza accorgersene, rimanendo immersi nella spirale di piacere che dai cerchi del suo manto si diramano e la cui bellezza sembra attirare gocce di rugiada che, staccandosi dall'erba, vanno a confluire nel cerchio suo sguardo.

Quest'opera è quella che più di tutte racchiude, a mio avviso, la capacità pittorica dai contorni magici, onirici e visionari di Kraser.

Gli spunti del surrealismo, l'anima del "barrueco", insti nelle sue origini "hispanica", la sua illimitata capacità "immaginifica" e la sua magistrale esecuzione tecnica, contribuiranno a far si che, da ora in poi, i nostri sogni, possano essere avvolti nella purpurea seta della sue opere.

 

Mario Manduzio, Ottobre 2015

Il nostro indirizzo

Silbernagl Undergallery Navigli Street
Alzaia Naviglio Grande 4
20144 Milano

Tel. +39348 2202587

Orari di apertura

martedì - venerdi 13 - 19

sabato 13 - 23

e su appuntamento

Il nostro nuovo sito web

Vi invitiamo a visitare il nostro sito.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Silbernagl Undergallery Navigli Street Alzaia Naviglio Grande 4 20144 Milano Partita IVA: 03356540124