Silbernagl Undergallery Navigli Street
Silbernagl Undergallery Navigli Street

Max Ferrigno

"Non conoscevo la natura dello strano albero che si erge nella pianura di Sono e quando ho cercato il sollievo nella sua ombra, ho perduto la strada e nientaltro

Murasaki Shikibu - Genji Monogatari

 

 

Sono molteplici le suggestioni che attraversano le opere di Max Ferrigno, presenti in questa mostra.

Quella più immediata ci rimanda come per incanto ad un passato fanciullesco, costellato da pomeriggi di trastullo davanti al video per divorare, bambini e/o ragazzo degli anni 80'/'90, l'interminabile serie di cartoni animati giapponesi, trasmessi, in epoca per così dire "pionieristica", dai canali Rai, per poi trasferirsi sulle reti commerciali e locali dell'etere televisivo. Quanti di noi non hanno sussultato per i "robotici" Goldrake e Mazinga, veri e propri apripista per i cultori del genere, quanti cuori battono per l'emozione nel sentire rievocare il "cuore di acciaio" di Jeeg Robot, per non parlare dei Gundam, dei Daitarn III, mostri d'acciaio dall'animo nobile, pronti sempre a salvare l'umanità dal malvagio di turno.

Quanti si sono commossi per le peripezie della piccola Heidi, quanti hanno idealmente viaggiato sull'astronave del fascinoso Capitan Harlock, quanti si sono proiettati nel mondo di Lady Oscar, quanti hanno trattenuto il fiato di fronte alle interminabili traversate di campo e improbabili tiri di Shingo Tamai o di Holly" Atton della serie "Holly e Benji"; accompagnando il tutto con abbondanti e robuste spalmate di Nutella sul pane ed abbondanti libagioni di "Estathe".

Questa rievocazione di mostri sacri degli anni 80 non è comunque l'unica chiave di lettura del lavoro di Ferrigno, un lavoro, a mio avviso molto più profondo e complesso nello scandagliare la cultura "anime" giapponese, assolutamente collegata alla conoscenza della filosofia del mondo "MAN - GA" e del retroterra culturale dell'arte giapponese, che, a partire dal periodo Edo, si è cimentata sempre più nella rappresentazione di soggetti grotteschi e/o erotici, evidenziando i gusti della nascente borghesia nipponica.

Se pensiamo alle cosplay ed alla loro sensualità che si lega sottilmente o esplicitamente ai soggetti femminili di Ferrigno, discendenti dirette della maliziosa Lamù, non possiamo non leggere in tutto ciò, in tutta la cultura "anime" che pervade la mostra, l'eros che permea la cultura giapponese, partendo dal romanzo del Genji Monogatari, principe e amante frequentatore assiduo di notturne alcove, non possiamo non leggere in tutto ciò un legame con la "grottesca" satira del "Man-Ga", il quale a sua volta trova le sue antiche radici in raffinate serie comiche, tese a mettere nel mirino l'affettazione dei monaci buddisti.

A questo legame storico - artistico con la cultura giapponese,  in cui l' "anime" e il fumetto "manga", non sono fenomeni di nicchia, ma sono trasversali e diffusi all'interno delle fasce di età di tutta la popolazione, non si può disconoscere una chiave di lettura psicologica delle opere di Max.

Per i cultori dell' "anime", "Neon Genesis Evangelion" è stato un vero "cult".

Ecco...Max Ferrigno non solo ci riconduce al mondo "manicheo" e fanciullescamente leggibile come guerra dei buoni contro i cattivi, quale per esempio il mondo di Goldrake, in un'atmosfera di misticismo per noi adoratori di quelle "reliquie", ma, con la ritrattistica dei personaggi di sua creazione, ci introduce anche in un altro mondo, in cui le sua fanciulle ammiccanti e androgine racchiudono la complessità psicologica e le mille sfaccettature dei personaggi della succitata saga "Neon Genesis Evangelion".

"Bamboccionismo" anni 80, feticismo "reliquiario", amore e conoscenza della cultura giapponese e capacità di introspezione psicologica, tutto questo si concentra e si miscela in un cocktail esplosivo nella serie di lavori che compongono la mostra

 

Mario Manduzio , ottobre 2015

 

Il nostro indirizzo

Silbernagl Undergallery Navigli Street
Alzaia Naviglio Grande 4
20144 Milano

Tel. +39348 2202587

Orari di apertura

martedì - venerdi 13 - 19

sabato 13 - 23

e su appuntamento

Il nostro nuovo sito web

Vi invitiamo a visitare il nostro sito.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Silbernagl Undergallery Navigli Street Alzaia Naviglio Grande 4 20144 Milano Partita IVA: 03356540124